Peraltrestrade Dolomiti
cercare contatti, unire culture e condividere percorsi comuni
Il comitato unico Peraltrestrade nasce l'11 marzo 2007 da un incontro avvenuto tra
il Movimento Contro il Prolungamento dell'A27 del Cadore e il Comitato Peraltrestrade della Carnia
Premesse

Progetti come quello del prolungamento dell’A27, se realizzati, anziché un avanzamento economico e sociale, come propagandato, provocherebbero un indebolimento delle potenzialità naturali del territorio, riconosciuto di pregio anche dall’UNESCO.

 

La risorsa ambiente è un’importante opportunità di sviluppare un’economia locale che arresti lo spopolamento, a patto che siano conservate e valorizzate le aree di pregio storico e naturalistico.

 

Le arterie a scorrimento veloce come l’autostrada non farebbero che aumentare il traffico in transito, incentivare il turismo “mordi e fuggi”, deturpare un ambiente alpino estremamente fragile e distogliere importanti risorse destinate, o da destinare, all’adeguamento dell’esistente.


read more
Obiettivi

Diffondere dati e informazioni sulle grandi opere autostradali programmate nelle nostre valli e sulle loro ricadute economiche, sociali e ambientali.

 

Riconsiderare criticamente i parametri che stanno alla base di un’idea di sviluppo che consuma il territorio anzichè conservarlo e valorizzarlo.

 

Opporsi all’idea superata di una crescita che espropria la gente della terra, dell’aria, e dell’acqua. Beni questi, essenziali alla sopravvivenza e non merci indennizzabili.

 

Proporre modelli di sviluppo alternativi che possano valorizzare l’immenso patrimonio naturale del territorio, allo scopo di trasmetterlo nella sua interezza alle future generazioni e renderlo fonte di economia e benessere per i suoi abitanti.


read more
Attività e progetti

Per perseguire i suoi obiettivi il comitato ha prodotto oltre un centinaio di comunicati stampa, organizzato incontri con la popolazione e confronti con le amministrazioni comunali e altri enti, organizzato eventi in collaborazione con altri comitati impegnati nella cura dell’ambiente, approfondito le relazioni con analoghe realtà anche d’Oltralpe.

 
In questi anni peraltrestrade ha costituito di fatto una delle poche voci che si sono alzate per contestare la realizzazione di un’opera che potrebbe condizionare in modo pesante e definitivo l’intero territorio, per denunciare l’insostenibilità ambientale, economica e sociale del progetto, l’imbroglio dei project financing, i lati oscuri che sono stati successivamente portati alla luce dalle inchieste della magistratura che ha coinvolto la politica e l’economia regionale.


read more